Michel Foucault e le pratiche di potere e controllo israeliano in Cisgiordania

Aggiornamento: 14 nov 2020

(di Francesco Cavalluzzo)

Immagine descrittiva del Panopticon

1. Introduzione

L’occupazione di uno specifico territorio e, in particolare, il controllo sulla popolazione che lo abita non si realizzano unicamente tramite gli strumenti polizieschi della repressione fisica. Infatti gli apparati di potere e/o di controllo al fine di mantenere, nei limiti del possibile, uno stabile e pacifico controllo sulla popolazione fanno affidamento su di un complesso meccanismo di strumenti di potere, visibili e invisibili. Con visibili si fa riferimento alle infrastrutture del potere quali ad esempio avamposti militari e prigioni. Con invisibili si fa riferimento a meccanismi di potere che tendono a organizzare lo spazio e il tempo della popolazione occupata, scandirne le giornate, plasmarne le dinamiche sociali al fine di creare una frammentazione sociale funzionale alla stabilità delle pratiche di controllo.