AMIStaDeS aderisce all’appello per il diritto di movimento dei cittadini afghani dal Pakistan

Aggiornamento: 8 set 2021


Il Centro Studi AMIStaDeS aderisce all’appello per garantire il diritto di movimento dei cittadini afghani dal Pakistan e l’apertura dei confini


Il 31 agosto le forze occidentali hanno ufficialmente abbandonato l’Afghanistan. L’avanzata dei talebani, che si è conclusa con la presa del paese in poche settimane, mette a rischio il destino dei cittadini afghani, in particolare delle donne, delle bambine, delle minoranze etniche e religiose e di tutti coloro che negli ultimi anni hanno collaborato con organizzazioni e forze occidentali. In uno scenario segnato dall’incertezza e dall’angoscia, il Pakistan ha annunciato la chiusura delle frontiere, bloccando di fatto l’unica via di uscita legale per gli afghani che desiderano lasciare il paese verso altre destinazioni, in particolare l’Unione Europea. Il Centro Studi AMIStaDeS ha deciso di aderire alla campagna promossa da Large Movements e rivolta ai governi europei, i