Terrorismo e pandemia: una comparazione

Aggiornamento: 14 nov 2020

(di Eleonora Corsale)

Dai primi mesi del 2020, il mondo intero è stato colpito da una pandemia dovuta alla diffusione su larga scala di un nuovo virus ormai noto con il nome di COVID-19.

Il termine pandemia, dal greco πανδήμιος “di tutto il popolo”, indica un’epidemia con la tendenza a diffondersi ovunque a livello intercontinentale o mondiale. A sua volta il termine epidemia, dal greco ἐπιδημία “che incombe sopra il popolo”, indica una malattia a diffusione localizzata o limitata ad alcune aree geografiche.

Vi chiederete: “perché parlare di epidemia o pandemia in un articolo sul terrorismo?”

Innanzitutto perché, anche da prima dell’11 settembre, il rischio sempre più certo di attacchi di bioterrorismo e armi di distruzione di massa era diventato motivo di crescente preoccupazione dei governi di tutto il mondo e degli Stati Uniti in particolare. Scrive a tal proposito Marc Sageman nel suo libro intitolato Leaderless Jihad: