Militarizzazione dello spazio: geopolitica terrestre o strategia di prevenzione?

Aggiornamento: 14 feb

di Giorgio Cardile

1. Settore bellico e spazio


Attualmente, lo spazio non è armato. Non ci sono armi dispiegate nello spazio o terrestri (in aria, in mare o a terra) destinate ad attaccare oggetti spaziali, come i satelliti.

Immagine: La Defence Research and Development Organisation (DRDO) ha lanciato con successo il missile Ballistic Missile Defence (BMD) Interceptor, in un test missilistico Anti-Satellite (A-SAT) 'Mission Shakti' impegnando un satellite bersaglio indiano in orbita terrestre bassa (LEO) in una modalità 'Hit to Kill' dall'isola Dr. A.P.J. Abdul Kalam, a Odisha il 27 marzo 2019.

Né esistono armi satellitari schierate contro obiettivi terrestri. Lo spazio viene usato per le comunicazioni, la sorveglianza e il puntamento sui campi di battaglia; per le previsioni del tempo; per la mappatura e il posizionamento delle risorse militari; per il preallarme di attacchi missilistici e aerei; e per l'intelligence militare, economica e tecnologica in generale in tutto il mondo. Così lo spazio è "militarizzato" anche se non ancora "armato". Tuttavia, anche Paesi come l’India – che non ha un passato di attività militare nello spazio – hanno iniziato a entrare in questo settore, quando il 27 marzo 2019 è stata lanciata la Missione Shakti. Il test dell’India illustra il dilemma di molti Paesi che operano nello spazio: dovrebbero agire in modo indipendente e aggressivo in questa arena per proteggere i loro interessi, o dovrebbero riporre la loro fiducia nei forum internazionali per cercare di contenere l'attuale corsa agli armamenti spaziali?


L'armamento dello spazio pone due grandi minacce. In primo luogo, pone una minaccia alla sicurezza, poiché le azioni unilaterali dei Paesi per armare lo spazio aumentano l'incertezza all'interno del sistema internazionale. Per esempio, alcuni ricercatori spaziali hanno recentemente avvertito che la proposta di istituire una forza spaziale statunitense aumenta il rischio di conflitti e inasprisce le tensioni con i suoi rivali. In secondo luogo, tale eventualità rappresenta una minaccia ambientale, poiché gli esperimenti con armi antisatellite hanno portato alla creazione di grandi quantità di detriti spaziali e hanno aumentato la difficoltà di condurre operazioni vicino alla Terra. Se il processo di armamento dello spazio accelerasse, lo spazio potrebbe diventare pericoloso e meno accessibile agli attori che ne farebbero un uso commerciale e scientifico.


2. L’approccio dei leader mondiali alla militarizzazione dello spazio


Gli Stati Uniti, la Russia e la Cina costituiscono le tre superpotenze spaziali principali: hanno capacità indipendenti di sviluppo, lancio