L’identità degli Ebrei di Persia: in bilico tra Sionismo e Giudaismo

di F. Adele Casale e Massimiliano Nima Lacerra

Scorcio della città di Yazd con la sinagoga Molla Agha Baba e, in fondo, la moschea Jāmah. (The Yeshiva world)

Introduzione


L’insieme delle comunità giudaiche in Iran rappresenta il secondo più numeroso dopo quella di Israele nell’intero Medio Oriente e confessione tra quelle minoritarie riconosciute e rappresentate politicamente. Al contrario di quanto si possa pensare, gli ebrei rimasti in Iran dopo la creazione dello Stato di Israele nel 1948 e in seguito alla Rivoluzione khomeinista del 1979, vi risiedono volontariamente non condividono il progetto politico sionista dal quale spesso si distaccano.