I differenti volti dell’insicurezza del Sahel

Aggiornamento: 28 ago 2021

(di Elisa Chiara)

Introduzione

Il Sahel è una delle regioni più povere al mondo, con conflitti e insicurezza che hanno radici storiche, inasprite dalla presenza sempre più assidua di gruppi armati, non solo di matrice jihadista. Quest’analisi, seppur non esaustiva, è volta a mettere in luce le connessioni di fenomeni storici, politici e ambientali che hanno fatto di questa regione una delle più instabili in Africa e una priorità della comunità internazionale. L’analisi partirà da un quadro generale della situazione sociale e politica del Sahel, passando poi ad un focus sulla situazione del Mali, in bilico tra conflitti interetnici e terrorismo, che ne fanno uno fra i paesi maggiormente toccati dalla crisi, la cui instabilità si riflette sull’intera regione. Un richiamo sarà fatto inoltre alle reazioni diplomatiche e strategiche della comunità internazionale.


Il quadro generale del Sahel

Il Sahel è un pezzo di terra che si estende tra le coste dell’oceano atlantico e quelle del mar rosso. In arabo, sahel significa “